Perché i corsi di formazione NON funzionano per le aziende locali

In Africa, ogni mattina, quando sorge il sole, una gazzella si sveglia e sa che dovrà correre più del leone, o verrà uccisa.

In Africa, ogni mattina, quando sorge il sole, un leone si sveglia e sa che dovrà correre più della gazzella, o morirà di fame…

In Italia invece, ogni mattina, quando sorge il sole, una persona si sveglia e sa che dovrà presentarsi al mondo come guru del marketing… o gli toccherà lavorare davvero.

Ironie a parte, se hai deciso di aprire questo articolo posso supporre che o sei un imprenditore che ha già fatto formazione oppure stai valutando se iniziare a farla.

Se hai fatto un paio di ricerche online, ti sarai anche reso conto che si è creata una vera e propria proliferazione di guru in campo marketing.

E non li sto chiamando così perché li ritengo davvero tali: sarebbe stupendo se ogni autoproclamato esperto disponesse davvero dell’elisir di lunga vita e prosperità per le aziende locali.

Li ho chiamati “guru” perché è proprio così che si autoproclamano.

Il numero esorbitante di guru del marketing nato in questi ultimi anni ha portato ad un problema enorme: quando un imprenditore cerca delle informazioni per far crescere la propria attività, viene assalito dalla confusione e dalla brutta sensazione di essere sul punto di finire nelle mani sbagliate.

Ti capisco.

Nel voler dare una mano a te e agli altri imprenditori volenterosi, ho deciso di scrivere questo articolo per aiutarti a:

  • distinguere i tipi di formazione che troverai in giro;
  • come identificare quella che fa davvero al caso tuo, e
  • come mai non hai ottenuto i risultati che ti aspettavi dagli insegnamenti applicati finora.

Come sempre, andiamo con ordine…

Perché oggi è così facile diventare “esperti” di marketing?

Ricordi cosa significa “barriera d’accesso” quando si parla di fare impresa?

Possiamo definire una barriera d’accesso come l’insieme delle difficoltà con cui una persona può iniziare a svolgere una professione.

Ecco, la barriera d’accesso per diventare formatore di marketing è bassissima; praticamente inesistente. Per questo ce ne sono così tanti in giro.

Se ci pensi, registrare un videocorso, tenere un webinar, scrivere un manuale è un lavoro alla portata di quasi chiunque.

E non serve essere un vero esperto! È sufficiente aver partecipato a dei corsi, aver visto video su Youtube, aver letto libri di altri formatori per poi scopiazzare, replicare e vendere quelle informazioni.

Ora, da imprenditore a imprenditore, sappiamo bene che creare servizi e prodotti di valore richiede una dedizione totale e non un copia e incolla alla bell’e meglio…

… per coloro che come unico scopo hanno quello di arricchirsi, tuttavia, la semplicità con cui oggi si possono impacchettare informazioni e rivenderle è troppo allettante.

“Tanto qualcuno che compra, ci sarà. Perché sbattersi a creare un’azienda seria?”

Invece di applicare ciò che diceva il corso, è molto più facile riproporre il corso stesso e guadagnarci sopra.

Oltretutto per arricchirsi nel mondo della formazione non serve neanche dimostrare la propria bravura a tante persone.

È sufficiente vendere a prezzi cari e fare 2 o 3 clienti. Poi chissenefrega se chi ha comprato ha buttato soldi.

Ebbene, ecco un riassunto serio del perché esistono così tanti guru di marketing in Italia.

Il mercato è pieno zeppo di persone che si offrono di insegnare.

Mi fa sorridere perché se anni fa dovevi perdere tempo a cercare contenuti, oggi pur avendone in dosi eccessive devi perdere ancora più tempo a cercare contenuti VALIDI.

Il livello di irreperibilità di informazioni si è evoluto. Prima era difficile trovare informazioni perché erano più o meno inaccessibili o inesistenti; oggi ce ne sono talmente tante che è diventato difficile trovare quelle valide. 

In un simile contesto, chi vuole imparare a farsi pubblicità si scontra con la difficoltà di capire cosa fa al caso suo e cosa applicare tra le varie alternative.

Molti cominciano a dubitare dell’utilità della formazione.

In prima battuta ti rispondo che formarsi rimane comunque utile… ma con riserva.

In Wave Marketing ad esempio abbiamo un reparto di ricerca e sviluppo, e una parte dei nostri profitti è reinvestita nel budget per la formazione interna.

Siamo pro formazione, ma solo a condizione che questa sia valida ed efficace per noi.

Ed ecco la domanda da un milione di dollari: come fai a distinguere la formazione adeguata per te da quella che non lo è?

Ti rispondo subito dandoti sia i parametri da non usare, sia quelli da seguire.

Il parametro fuorviante per misurare
la validità della formazione: la LOGICA

Quando il nostro cervello effettua delle valutazioni, a volte gli basta un pizzico di logica o un dato affidabile per arrivare alla conclusione che anche tutto il resto sia plausibile.

La nostra mente funziona così. Dopo una serie di informazioni promosse a “logiche” e “vere”, a cascata riterrà valido anche tutto il resto.

Spesso però non è proprio così che funziona.

Fatte queste premesse, permettimi di darti dei criteri vitali da tenere in considerazione prima di affidare il tuo tempo (e il tuo portafoglio) al guru sbagliato.

Parametro Funzionale #1:
il formatore ha fatto ottenere RISULTATI ad altri?

Un primo parametro utile per sapere se l’elisir decantato dal guru gioverà alla tua azienda è capire se ci sono già stati imprenditori prima di te che si sono rivolti a lui e oggi stanno godendo dei risultati ottenuti.

Questa prima misura preventiva ti permette di capire se chi ti sta promettendo il mondo è bravo con le parole (e con il suo marketing) a vendere se stesso, o se c’è un riscontro verificabile dei risultati fatti ottenere ad altri.

Tanti sono bravi a fare marketing per loro e a vendere i loro prodotti, ma non hanno un track record per settori diversi né uno storico di persone che grazie a loro hanno ottenuto risultati importanti.

Solo una piccola percentuale di chi si autoproclama guru ha infatti decine e decine di risultati portati ad altri imprenditori come te.

Già solo usando questo criterio sfalcerai in un solo colpo più della metà delle opzioni disponibili nel mondo della formazione marketing!

Parametro Funzionale #2:
giocatore solitario o azienda?

Un elemento che aiuta a capire se ti stai facendo conquistare da un improvvisato esperto o da qualcuno davvero capace di erogare un servizio estremamente valido è capire se questa persona è un giocatore solitario o se ha un’azienda alle spalle.

Non sto dicendo che non esistano freelance e professionisti “singoli” davvero bravi…

… rimane il fatto che creare un team, gestire un’azienda e coordinare più dipartimenti è qualcosa che rende il tutto “meno improvvisato” rispetto a comprare un PC e iniziare a usarlo per autopromuoversi.

Parametro Funzionale #3:
cosa fa per promuovere la sua attività?

Per questo parametro serve un occhio più accorto.

Esistono più esperti di marketing che insegnano tecniche per promuoversi, ma sono diverse da quelle che applicano loro.

Ti basti pensare a quanti vendono libri su metodi per diventare ricchi, quando i loro guadagni derivano dalla vendita di libri su come diventare ricchi (e non sui metodi che propinano dentro ai libri).

Altri ancora insegnano tecniche diventate ormai obsolete; se hanno fatto il boom 6 anni fa non è affatto scontato che ciò che valeva allora valga ancora oggi.

Altri ancora sono diventati bravi a promuovere se stessi e sono bravissimi a sfruttare ogni goccia di notorietà ottenuta, ma non sanno come aiutare gli altri nel concreto o non sempre applicano in prima persona ciò che ti insegnano.

Parametro Funzionale #4:
visione tattica o strategica?

Ora, se chi hai sott’occhio ha superato i parametri con cui li hai passati in esame finora, serve solo capire se ciò che insegna è valido per te, per la tua attività e il tuo settore.

Il limite di cui sto per parlarti è legato al fatto che i concetti più diffusi nei corsi vengono quasi tutti dalla stessa fonte: guru americani.

La conseguenza del diffondere informazioni nate in contesti precisi è che si promuove una visione legata alle tattiche da applicare, ma che non tengono in considerazione dove sei tu con la tua azienda rispetto alla tua visione.

È vero che alcuni principi e “tattiche” sono uguali per tutti, ma rimane fondamentale applicare degli adeguamenti mirati in base a settore, numero di collaboratori, tipo di attività, obiettivi da raggiungere, budget a disposizione ecc…

Questo significa davvero essere strategico: capisci dove sei, dove vuoi andare, prendi il principio di marketing da applicare e lo adatti alla tua azienda.

Se è vero che un imprenditore non nasce per sapere come prendere teorie che hanno funzionato e applicarle al tuo caso e contesto, un esperto di marketing dovrebbe saperlo fare al 100%. 

È per questo che anche se hai partecipato a corsi che ti hanno dato informazioni validissime, poi con te non hanno funzionato.

Mancava in toto o in parte la visione strategica.

Adesso che i parametri per valutare il marketer di turno sono stati sviscerati, andiamo a sciogliere in modo più esaustivo il dubbio che in molti potrebbero avere.

“Vale davvero la pena per un imprenditore dedicare tempo ed energie alla sua formazione marketing?”

Dopo aver analizzato centinaia di aziende, qui in Wave Marketing abbiamo visto che quelle che funzionano meglio sono le attività su cui è stato sviluppato un lavoro su misura e che lavorano con un team che fornisce formazione personalizzata (e non attraverso una platea).

È per questo che non impartiamo corsi al pubblico e il nostro know how è riservato solo ai nostri clienti.

Quindi alla domanda “formazione sì o no?”, ecco la mia risposta:

Formazione sì, ma SOLO se in sessioni strategiche individuali accompagnate da un progetto sviluppato su misura

Finora abbiamo lavorato con oltre 500 aziende in sessioni strategiche individuali: in questo modo l’imprenditore, accompagnato nella creazione della sua macchina di acquisizione clienti, per forza impara e vede risultati.

È così che funziona ClientiElite, il nostro programma di marketing specifico per liberi professionisti e imprenditori locali.

Perché quando un imprenditore viene seguito con precisione e personalmente nell’applicazione di strategie create su misura per lui, i risultati arrivano eccome.

Solo con sessioni strategiche mirate tu o chi si occupa del tuo marketing può capire il vero stato attuale della tua realtà e impostare una serie di azioni in ordine logico e cronologico (fare la cosa giusta ma nel momento sbagliato, ad esempio, equivale a non farla).

E qui torniamo ai motivi per cui anche se hai applicato informazioni e tattiche valide, non hai ottenuto il risultato che ti aspettavi.

La teoria è indispensabile, ma devi anche saper momentaneamente togliere tutto ciò che ti serve per focalizzarti volta per volta solo su un’azione prioritaria.

Se ti serve una mano a identificarla, puoi candidarti a una prima sessione strategica con un nostro advisor e fare insieme il punto della situazione in base a dove ti trovi e dove vuoi arrivare.

Parlo di candidatura perché non inseriamo nuove attività in ClientiElite se prima non sappiamo di poter garantire i risultati che stai cercando.

Non siamo e né aspiriamo a essere tuttologi: valuteremo se ci sono i presupposti per lavorare insieme solo se abbiamo già a disposizione conoscenze e strategie di comprovato successo per la tua situazione specifica.

Servirà, infine, una seconda condizione per l’approvazione della tua candidatura.

Un’altra cosa che ti farà piacere è l’ESCLUSIVA DI ZONA che garantiamo ai nostri partner per massimizzare i risultati delle campagne senza togliere fette di clienti e portarle ai concorrenti.

Al contempo, se dovessi essere il competitor di un nostro partner attuale, non potremo lavorare insieme.

Scopri subito se abbiamo disponibilità nella tua zona cliccando QUI.

Se l’esito della tua candidatura sarà positivo, ti contatteremo per fissare la tua prima sessione strategica che sarà completamente gratuita.

Non vediamo l’ora di conoscerti!

Torna su
ABOUT US
ABOUT US
ABOUT US
ABOUT US
ABOUT US